Rete antigrandine. Come evitare i danni della grandine.

La rete antigrandine è l’unico metodo realmente efficace per evitare i danni della grandine. Infatti collocando la rete di protezione contro la grandine su alberi, piante, campi coltivati, e giardini con o senza struttura di sostegno, si riduce di molto l’impatto dei chicchi di ghiaccio. Nello stesso modo questa barriera serve per impedire i danni che la grandine può provocare alle auto in parcheggi privati e in zone commerciali.

Come si forma la grandine e come può risultare particolarmente distruttiva?

In concomitanza con un periodo di instabilitá atmosferica, si formano le nuvole. Queste ultime salgono verso l’alto spinte da correnti verticali d’aria ascendenti.

La parte alta delle nuvole è fredda, cosicché le gocce d’acqua che si formano in questa parte delle nuvole si congelano. Pertanto nella parte inferiore delle nuvole si forma acqua e in quella superiore l’acqua si congela. Questo accade nelle nuvole chiamate cumulonembi.

La rete anti-grandine è l’unico metodo efficace contro la grandine senza danneggiare l’ambiente.

Si tratta di nuvole molto spesse che misurano dalla base alla parte superiore anche più di 10 km, e hanno un aspetto molto minaccioso.

I cristalli di gelo continuano a salire e a scendere sostenuti dall’aria ascendente. In questo processo si aggiungono cappe concentriche d’acqua. Quando questi chicchi di ghiaccio raggiungono un peso considerevole e trovano una corrente d’aria discendente si crea la grandine. Il grelimetro si impiega per misurare i chicchi di grandine che possono raggiungere anche diversi grammi di peso. Oltre alle dimensioni delle precipitazioni, la pericolosità della grandine aumenta in funzione della velocità e alla traiettoria con cui raggiunge il suolo. Tutti questi fattori, inclusa la consistenza dei chicchi, devono essere presi in considerazione quando si studia un sistema di protezione meccanico.

Danni causati dalla grandine

Queste precipitazioni, quando raggiungono densità importanti, possono essere molto pericolose per i raccolti, in particolare per gli alberi da frutto, per gli animali e per le proprietà.

Come la rete antigrandine può prevenire i danni

La copertura mediante la rete antigrandine si può realizzare in modi diversi secondo la zona da proteggere.

Alberi da frutta e allevamenti

L’uso di questa rete è un sistema economico molto duro e durevole.

Per gli alberi che misurano anche 4 o 5 metri di altezza si può installare la rete antigrandine direttamente sulle piante. In alternativa si puó optare per un impianto antigrandine che impiega pali e sistema di ancoraggio.

Nel primo caso si fa scendere la rete dalla cima del filare sui due lati, fino a ricoprire interamente le piante. Si tratta di un sistema economico che ha dato eccellenti risultati. Risulta efficace tanto contro la grandine come contro gli uccelli infestanti.

Nel secondo caso, l’impianto antigrandine favorisce un accesso più agile per svolgere le quotidiane operazioni di mantenimento sulle piante. Si preferisce questo sistema quando le coltivazioni sono regolari e di carattere intensivo e quando si può contare sulla disponibilità economica per realizzare una struttura più complessa.

In alcuni casi l’installazione è supportata da pali di cemento e consta anche di cavi che permettono una certa inclinazione della rete antigrandine. In questo modo la grandine non si deposita sulle reti e scivola evitando un sovraccarico sulla struttura. Le reti si uniscono tra loro mediante fascette di plastica.

Con il sistema che consiste nel collocare la rete in orizzontale, senza pendenza, si sfrutta il peso della grandine per svuotare la copertura in corrispondenza delle giunture. Si deve comunque prevedere un ancoraggio totale della rete, ma con questa struttura si migliora il grado di protezione.

Il sistema di rete permette di essere in grado di mantenere le piante facilmente.

Nel metodo ad elastici non occorre pendenza né ancoraggi laterali né cavi trasversali. Le reti si sovrappongono utilizzando elastici favorendo lo svuotamento.

In generale in un impianto di protezione contro la grandine classico gli elementi che lo costituiscono sono:

Tiranti

Disposti sull’intero perimetro per dare stabilità alla struttura specialmente in caso di forti venti.

Pali con copri pali

Non inclinati e robusti, preferibilmente di cemento, disposti a non più di 8 metri uno dall’altro e inseriti nel terreno a una profondità di almeno 80 centimetri.

Cavi

Longitudinali e trasversali per stabilizzare la struttura e che non siano taglienti per non danneggiare la rete.

Rete antigrandine

Rete di grande resistenza al peso e alla durata grazie al processo di fabbricazione con materie prime di alta qualità.

Oltre a proteggere le colture dalla grandine, la rete li protegge contro gli uccelli o qualche altro rischio esterno.

É consigliabile sempre disporre di un margine di superficie di rete aggiuntiva per facilitare la messa in opera. Tutte le nostre reti sono sottoposte a trattamento per resistere ai raggi UV.  Inoltre hanno una garanzia di durata di 15 anni.

Ortaggi

Per proteggere le coltivazioni di ortaggi probabilmente il metodo più idoneo sia quello di costruire dei tunnel ricoperti di rete. I vantaggi di un tunnel sono molteplici. Infatti le colture si riparano dalla grandine ma anche dal vento e dagli uccelli. Inoltre quando si abbassano le temperature su queste strutture si possono stendere i teli anti gelate, utili anche per isolare l’interno dagli attacchi degli insetti.

Costruire un tunnel é semplice impiegando tubi per fare gli archetti. Poi si colloca la rete che è disponibile in comodi rotoli. Infine si fissa la rete con fascette di plastica.

Altri metodi inefficaci che si usano contro la grandine

Anche se ci sono razzi anti-grandine il metodo non sembra essere molto efficace, inoltre, è un metodo molto controverso.

Si sente molto parlare di cannoni e razzi antigrandine. Sono dispositivi che, sparando sulle nubi ioduro d’argento, dovrebbero limitare la crescita dei chicchi di grandine e quindi limitare i loro danni. Tutti questi metodi sono oggetto di opinioni controverse. Da una parte la loro riuscita non sembra assicurata, dall’altra richiedono una continua monitorizzazione delle condizioni atmosferiche. Inoltre si tratta di materiali contaminanti e le onde d’urto sono moleste per le persone e gli animali.

L’assicurazione come metodo passivo di garanzia

Ultimamente le compagnie di assicurazioni prendono in considerazione positivamente l’impiego delle reti antigrandine. L’ampia difesa che consente giustifica l’investimento iniziale. Infatti evita che il produttore perda una stagione di raccolti che provocherebbe ulteriori danni al mercato. In definitiva l’integrazione delle reti permette all’industria una costante crescita, tanto diretta come indiretta, per i benefici tratti dall’indotto. Inoltre consente di risparmiare sui costi dell’assicurazione.

Produzione qualitativamente e quantitativamente superiore

Oggi giorno è preferibile installare una rete di protezione contro la grandine con caratteristiche tecniche comprovate di durata e resistenza. Infatti è risaputo che il suo uso riduce sensibilmente i rischi di danni ai raccolti. Inoltre assicura prodotti di buona qualità tutto l’anno.

La tecnologia incide su una percentuale di investimento relativamente molto bassa se calcolata in funzione dei benefici che apporta. Senza i risultati giustificano questo ottimo sistema di prevenzione.

1 Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *